Vacri - Abruzzointour

Dal mare alla montagna in pochi minuti.

in tour

Vai ai contenuti

Vacri

Provincia Chieti
Vacri
è un comune di 1.775 abitanti posto su di un colle tra il fiume Foro ed il torrente Dendalo a 310 metri s.l.m.. Fa parte dell'Unione delle Colline Teatine.

Storia - cenni

Il nome Vacri deriverebbe dal latino lavacrum, con riferimento al crinale di collina soggetto al dilavamento delle acque, oppure da àkros, estremità a punta, poi divenuto bacrum, vacrum.  
Durante l'epoca medievale le vicende storiche del paese s'intrecciano inevitabilmente con le vicissitudini di centri più importanti della zona. In diversi documenti Vacri viene citata con differenti denominazioni quali Bacri di Teate, Batro, Bacrum, Arovacro.  
Durante la dominazione longobarda il feudo apparteneva al Gastaldo di Teate e la chiesa di San Callisto fu donata dal Conte Trasmondo al monastero di S. Liberatore. Nei secoli dell'egemonia normanna e sveva, Vacri era sotto la giurisdizione dei Conti di Manoppello il cui dominio si estendeva sulla Contea più grande dell'Aprutium che comprendeva le valli del Pescara, del Foro e del Sangro.
Con la venuta degli angioini, Vacri fu ceduta al nobile Bertrando del Balzo, il quale, per meriti militari ottenuti nella fortunata campagna d'Italia che ebbe il suo epilogo nella battaglia di Tagliacozzo del 1268, possedeva altri insediamenti in Campania ed in Puglia.
Nel XV secolo fu feudo della famiglia Furlani, nel XVI secolo dei Caracciolo di Santobuono che vendettero i possedimenti, nel XVII secolo, ai fratelli Torricelli. Più tardi passò sotto il dominio dei Valignani.
Come molti paesi della zona, l'economia è caratterizzata dalla produzione di vino quali il Montepulciano d'Abruzzo ed il Trebbiano d'Abruzzo, e dalla produzione di olio come l'extra vergine di oliva Colline Teatine Dop. Piatto tipico della zona sono i salsicciotti di trippa.  

fuori casa in Abruzzo
scelti per voi9
Da visitare:
la Chiesa parrocchiale fondata nel XVIII secolo; la Chiesa di San Biagio, costruita nel Settecento; i resti di un tratturo visibili in località Crispino.

Sagre e folklore:

assolutamente da vedere: Vacrum Sine Portis, rievocazione storica in costume con la partecipazione di numerosi gruppi provenienti da tutta Italia
Frazioni:
Fontanelle, Maiure, Porcareccia, Sant'Agata, San Vincenzo, Selva Porcareccio
Comuni vicini:
Ari, Bucchianico, Casacanditella, Filetto, Villamagna



Le montagne
Gli itinerari


Associazione Amici d'Abruzzo C.F. 91112710685

Torna ai contenuti