Tollo - Abruzzointour

Dal mare alla montagna in pochi minuti.

in tour

Vai ai contenuti

Tollo

Provincia Chieti
Tollo è un comune di 4.241 abitanti che sorge su u una collina arrotondata a 152 metri s.l.m. Fa parte della Unione dei Comuni della Marrucina, dell'Associazione Città del Vino d'Abruzzo e del Patto territoriale Chietino-Ortonese per l'occupazione e lo sviluppo integrato del territorio.
Storia - cenni
Risalire alle origini di Tollo risulta estremamente difficile a causa dei pesanti bombardamenti subiti dal comune nel corso della seconda guerra mondiale che distrussero molte testimonianze storiche ed architettoniche.
Una prima ipotesi sostiene che il paese fu fondato dal terzo re di Roma, Tullio Ostilio, dal quale prese anche il nome. Altra tesi invece suppone che la città debba la sua nascita alla costruzione di una torre fortificata tra la fine dell'XI e l'inizio del XII secolo ad opera di alcuni crociati francesi originari di Tulle che si rifugiarono alla destra del fiume Moro stabilendosi su una collina alla quale diedero il nome di La Defense. Questi uomini, per difendersi dalle incursioni dei Saraceni, edificarono, sul modello della loro città natale, un sistema difensivo costituito da diverse fortificazioni sulle quali dominava la torre difensiva che oggi è situata nella piazza centrale. All'inizio del XV secolo i monaci dell'ordine Teutonico si stabilirono a Tollo rimanendovi per circa quattrocento anni. A loro si deve la costruzione della chiesa di Santa Marina, nella quale era venerata anche Santa Lucia.
Al 1566 risale invece l'occupazione Turca, durante la quale avvenne il miracolo dell'apparizione della Madonna del Rosario ricordata ancora oggi durante la tradizionale festa. Nel XVIII secolo entrò a far parte del Regno delle Due Sicilie per poi divenire tra il 1707 ed il 1775, feudo di Ruggero d'Altavilla e successivamente dei baroni Nolli che dominarono Tollo fino alla caduta del feudalesimo. Nel 1806 fu fondato il comune di Tollo.  
La seconda Guerra Mondiale provocò la pressoché completa distruzione del paese a causa degli scontri tra le truppe tedesche e quelle alleate che colpì tanto i paesi più grandi come Ortona, quanto alcuni centri minori della provincia di Chieti. L'opera di ricostruzione portò negli anni '60 e '70 un grande sviluppo economico per il paese soprattutto grazie alla fondazione delle due cooperativa agricole per la produzione di pregiati vini quali il Montepulciano ed il Trebbiano d'Abruzzo che in questi ultimi decenni sono divenuti noti in tutto il mondo.
L'economia del paese si basa sul settore agricolo alla cui produzione di vini DOC si affianca quella dell'olio e di uva da tavola di ottima qualità.
fuori casa in Abruzzo
scelti per voi9
Da visitare:
il centro storico del paese appartenente alla tipologia degli insediamenti a “promontorio”, ovvero di un crinale individuato dalla confluenza di due fiumi; la chiesa di Santa Marina edificata nel 1450 e ricostruita dopo la distruzione avvenuta a causa dei bombardamenti della seconda guerra mondiale; la piccola chiesa dedicata alla Santa Croce, ristrutturata nel 1931, è incassata tra le case nel centro storico del paese. La prima domenica di Agosto è organizzata la Rievocazione storica della “Battaglia tra Turchi e Cristiani”, che si tiene a mezzogiorno in punto nella piazza Umberto I.
Frazioni:
Colle, Colle Cavalieri, Colle della Signora, Colle Secco, Macchie, Motrino, Pedine, Piano Mozzone, Sabatiniello, San Pietro, Santa Lucia, Venna
Comuni vicini:
Canosa Sannita, Crecchio, Giuliano Teatino, Miglianico, Ortona
Le montagne
Gli itinerari


Associazione Amici d'Abruzzo C.F. 91112710685

Torna ai contenuti