Scanno - Abruzzointour

Dal mare alla montagna in pochi minuti.

in tour

Vai ai contenuti

Scanno

Provincia dell'Aquila
Scanno sorge a 1.050 m s.l.m., all'interno del Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise. Il suo territorio fa parte della Comunità montana Peligna ed è inoltre compreso nel Club dei Borghi più belli d'Italia . Conta 2.043 abitanti.

Storia
Posizionato su di un colle circondato da monti, nell’antichità era paragonato dai latini ad uno sgabello. Il suo nome infatti deriva da “scamnum” che significa sgabello. La sua posizione strategica gli consentì di evitare attacchi durante le  invasioni barbariche. Scanno viene ricordata in un antico documento risalente al 1067 in cui i Conti di Sangro donarono a Montecassino tutta la valle del Lago con il Monastero di S. Pietro in Lago.
Nel Sei – Settecento ebbe un fiorente sviluppo economico dato dall'industria armentaria , delle pelli, della tessitura e della tintura. Questo gli permise di ricevere dal cardinal Granvela , la possibilità di commerciare    nelle fiere di Lanciano, Farfa, Senigallia, Collefegato e Magliano.
Durante la II guerra mondiale, Carlo Azeglio Ciampi (cittadino onorario) si rifugiò a Scanno, ospitato da una signora del posto.


fuori casa in Abruzzo
scelti per voi9
Da visitare:
Chiesa dell’Assunta o della Madonna della Valle. Venne costruita intorno al 1483 e rappresenta la chiesa principale del paese. Contiene la statua del patrono S. Eustachio;
Chiesa di San Rocco o della Madonna del Carmine. Non si conosce la data della sua costruzione ma si sa solo che prese questo nome perché sede di una confraternita chiamata in questo modo;
Chiesa di Sant'Eustachio. Venne costruita nel XVII secolo. In origine era ritenuta la chiesa principale del paese e oggi i parroci vengono ordinati prima in tale parrocchia e poi nella principale;
Chiesa di San Giovanni Battista . Venne costruita prima del XVII secolo. Contiene una mostra di Statue Sacre e di Santi;
Chiesa di S. Antonio da Padova. Venne costruita intorno al XVII secolo. Presenta un altare in pietra calcarea;
Chiesa di San Michele Arcangelo . Venne costruita prima del 1576. Sita presso il cimitero;
Chiesa di Sant'Antonio Abate. Venne costruita nel 1515 anche se si è ritenuto per diverso tempo che fosse invece stata eretta da Ercole Ciorla nel 1569 ;
Chiesa della Madonna di Costantinopoli. Anteriore al XVIII secolo subì delle modifiche in questo periodo. E’posta in Piazza San Rocco presso il monumento ai caduti;
Chiesa di San Tommaso (distrutta).Sita oltre Porta della Croce proseguendo per Collangelo;
Chiesa di San Liborio. Si trova verso Passo Godi - Villetta Barrea, la chiesa, con l'annesso cascinale, è di proprietà privata;
Chiesa della Madonna del Lago. Venne costruita nel XVI secolo, è stata più volte modificata;
Chiesa di San Lorenzo a Iovana. Non si conosce la data di costruzione. La chiesa è stata restaurata e riaperta al pubblico nel 1952 ;
Eremo di Sant'Egidio. E’ situato sul colle eponimo, tra Scanno ed il lago di Scanno, è stato costruito nel 1612. In esso si celebra la festa di Sant'Egidio dal 1658.
Museo della lana. Ospita una mostra di arnesi ed attrezzi agricoli e della lavorazione della lana;
Museo delle arti e tradizioni popolari (Frattura). Raccoglie più o meno lo stesso tipo di utensili ed è sito presso la chiesa centrale della frazione di Scanno.
Palazzi principali e fontane sono:
Palazzo di Rienzo. Originariamente sede dell'Università (Municipio) di Scanno, era abitato dai feudatari a titolo di principi;
Palazzo De Angelis. Presenta delle magnifiche decorazioni con lo stemma dei De Angelis intorno al portale;
Palazzo Mosca (Scanno). E’ caratteristico il cornicione con puttini e serafini danzanti, mentre la facciata principale è barocca;
Palazzo Serafini. Presenta uno stemma sopra il portone con tre angioletti serafini;
Case Roncone. Presenta una trifora caratteristica ed arco a sottopasso;
Palazzo Serafini-Ciancarelli. Ha subito diverse trasformazioni nel corso dei secoli;
il Castellaro, è uno dei palazzi più grandi di Scanno,è in stile barocco-romanico, ed è a forma caratteristica di T;
Palazzo Colarossi. di Rienzo" presenta portoni e finestre con decorazioni;
la Casa Tanturri, presenta una pregevole trifora, un puttino e le finestre a taglio; Casa Antonio Silla. Ha un imponente portale con basamento atto a reggere il balcone sovrastante;
il Palazzetto Nardillo. Presenta un pregevole corniciole, portale barocco con sopraluce curvilineo;
Fontana Saracco, formata da due arcate, una del 1549 e l'altra del XVIII sec;
Fontana detta "Pisciarello", è sormontata da uno stemma a tre torri, (XVIII sec.);
Tradizioni:
Ju Catenacce (il 14 agosto, rievocazione in costume tradizionale di Scanno del matrimonio scannese);

Personaggi illustri:
Adriano Tarullo, cantautore.

(i testi sono tratti da wikipedia )
Le montagne
Gli itinerari


Associazione Amici d'Abruzzo C.F. 91112710685

Torna ai contenuti