Montereale - Abruzzointour

Dal mare alla montagna in pochi minuti.

in tour

Vai ai contenuti

Montereale

Provincia dell'Aquila
Montereale  sorge a 945 m s.l.m. ed è compresa nella Comunità montana Amiternina. Conta  2.722 abitanti.

Storia
Le sue origini sarebbero anteriori al 500 sec.d.C. e si ritiene si fosse sviluppata in un centro poi distrutto dai Pelasgi nel 550 d.C. Precisamente, si sarebbe estesa laddove sorgeva la città antica di Maronea . Durante il medioevo, venne sfruttato quale centro strategico per la difesa contro attacchi nemici e venne costruita una torre che permettesse un controllo globale della zona. Intorno al 1536, l'Arciduchessa Margherita d'Austria, figlia naturale dell' Imperatore Carlo V, e Alessandro dei Medici (nipote del papa Clemente VII), Carlo V costituì per la figlia una cospicua dote comprendente, tra l'altro, L'Aquila, Penne, Campli, Cittaducale, Leonessa e Montereale. Questo portò a questo comune un grande splendore  che gli consentì di raggiungere uno sviluppo tale da estendersi comprendendo altri centri.


fuori casa in Abruzzo
scelti per voi9
Da visitare:
la Chiesa di Santa Maria in Assunta. Venne costruita nel 1400 da un abate e sette canonici ed è la chiesa più grande di Montereale;
la Chiesa del Beato Andrea. Venne costruita nel 1726 sulle rovine della preesistente chiesa duecentesca dedicata a Sant'Agostino. Contiene una cappella che è la cripta dove è conservata ed esposta ai fedeli la teca d'argento contenente il corpo ancora conservato del Beato Andrea;
la Chiesa della Madonna del Carmine. In origine venne dedicata a San Lorenzo e distrutta da un terremoto nel 1703 fu ricostruita nel 1793. Recentemente è stata restaurata;
Il Convento di Santa Chiara. Ne restano solo alcune rovine;
Il Convento di San Francesco. Presenta un'imponente cripta a volta gotica; probabilmente in passato era una fortezza;
l’Abbazia della Madonna in Pantanis. Venne costruita tra l'XI e la prima metà del XII secolo e ristrutturata nel '600 e nel '700. Contiene al suo interno il mausoleo dedicato al Beato Domenico da Cesariano, il cui corpo è ben visibile e conservato;
La Torre Municipale. Costruita nel medioevo, presentava una campana utilizzata per richiamare i cittadini delle "ville" nei casi di necessità. L’ubicazione della torre è tale che il suono della grande campana veniva udito da tutte le numerose frazioni;
I leoni stilofori. Si trovano nel palazzo del municipio (ex convento degli agostiniani)e risalgono all’epoca romana. Le colonne che sostengono i leoni risalirebbero al 1200;
Palazzi Guarnieri, Petroni, Centi, Lucidi, Saorelli. Erano considerati nel passato quali pregi architettonici della Città di Monterealema ad oggi si hanno scarsissime notizie addirittura sulla loro precisa collocazione e sulla loro effettiva sopravvivenza. A testimonianza e ricordo di tali importanti palazzi ci restano vari stemmi in marmo. Sono collocati sulle porte di numerose case;
Palazzo Farnese – Cassiani. All’interno il palazzo conserva alcune pitture murali e una serie di stanze che si aprono intorno ad un importante salone. Questo palazzo viene anche ricordato come palazzo del vescovo. In esso venne fatto nel 1757 il processo di beatificazione del Beato Andrea;
Palazzo Mari. Presenta un portale in marmo. Da una stanza del primo piano, attraverso un lungo tubo nascosto nel muro, si poteva osservare chi bussava al portone, senza essere visti;
Palazzo Canofari. E’ un palazzo settecentesco dotato di un giardino privato, nonché di cappella gentilizia interna. In un muraglione, vi sono alcune grandi nicchie nelle quali, dovevano trovare collocazione delle statue; oppure le nicchie dovevano servire per l’adorazione dei “Penati” antiche divinità pagane;
Le antiche mura di cinta. Vennero costruite tra il 1.000/1.100 e circondavano la città vecchia, cioè l’attuale zona alta. Le monache del Convento di S. Leonardo conservano la chiave della porta cittadina che si trovava a fianco del convento;

Personaggi rilevanti:
Francesco Canofari, (Montereale, 1765 - Napoli, 1843), magistrato;
Francesco da Montereale (1502-1549), pittore;
Beato Domenico da Cesariano (Cesariano di Montereale, 1450- Cesariano di Montereale, 22 agosto 1510);
Beato Andrea da Montereale (nato nel 1397 a Mosconi, morì nel 1479).
(testo tratto da wikipedia e dal sito del Comune)
Le montagne
Gli itinerari


Associazione Amici d'Abruzzo C.F. 91112710685

Torna ai contenuti