Molina Aterno - Abruzzointour

Dal mare alla montagna in pochi minuti.

in tour

Vai ai contenuti

Molina Aterno

Provincia dell'Aquila
Molina Aterno è un borgo medievale di 429 abitanti situato a 512 metri s.l.m. Nella valle dell'Aterno, nel suggestivo quanto aspro scenario delle gole di San Venanzio. Fa parte della Comunità montana Sirentina, ed il suo territorio è compreso nell'area del Parco Naturale Regionale del Sirente-Velino.

Storia
Il nome parrebbe avere origine dal latino “molina” che significa molino, con riferimento alle numerose strutture presenti nella zona. Altra tesi, sostiene che il toponimo deriverebbe dal nome del primo feudatario Rainaldo di Molino.
Il 30 giugno del 1889, è stato aggiunta la seconda parte del nome indicando il passaggio del fiume Aterno sulla cui sponda destra sorge il borgo.
A seguito di recenti scavi nella zona di Campo Valentino, si suppone che nel VI secolo a.C. La zona fosse utilizzata come necropoli, solo a partire dal III-II secolo a.C. nacque un piccolo nucleo abitativo per poi tornare ad un utilizzo funerario fino a quando, nei secoli successivi, fu completamente abbandonato per esigenze di difesa.
La piana di Campo Valentino fu abbandonata preferendo una posizione maggiormente difendibile, sorse così un piccolo nucleo medievale che si sviluppò intorno ad un castello con torre di difesa che fu successivamente inglobato nel Palazzo Piccolomini, ancora oggi visibile.
Fu feudo della Contea di Celano dal 1143 per passare poi nel 1182 a Rainaldo di Molino. Nel 1273 fa parte dell'Abruzzo Citeriore e solo nel 1483 verrà inglobato nel contado aquilano.
Nei secoli XVI e XVII il paese visse un momento di fermento edilizio: l'antico castello fu ampliato con l'aggiunta di una nuova ala che si affaccia ancora oggi sulla piazza del paese, divenendo così il Palazzo Piccolomini.
Nel 1669 contava appena 43 fuochi, passò da Cantelmo di Popoli ai Secinara di Rieti, agli Aristotle di Sulmona e ai Simeonibus di L'Aquila. Dal 1650 fino alla eversione della feudalità nel 1806, fu possedimento dei Pietropaoli.


fuori casa in Abruzzo
scelti per voi
Da visitare:
Chiesa di S. Maria del Colle, risalente al XIII secolo e collocata nella parte alta del paese;
Chiesa di San Nicola edificata nel XVI secolo;
Chiesa rurale di S. Pio dell'XI secolo con reimpieghi di fregi romani;
il palazzo Baronale Piccolomini e l'antico castello, costruiti ed ampliati tra il XIII secolo ed il XVIII;
l'area archeologica di Campo Valentino;
la grotta di Vallerendola.
(Testi tratti da Wikipedia e http://www.parcosirentevelino.it/)
Le montagne
Gli itinerari


Associazione Amici d'Abruzzo C.F. 91112710685

Torna ai contenuti