Giulianova - Abruzzointour

Dal mare alla montagna in pochi minuti.

in tour

Vai ai contenuti

Giulianova

Provincia di Teramo
Giulianova è un comune di 22.963 il cui paese, posto in zona collinare, sorge a 68metri s.l.m.
Storia - cenni
Le prime tracce di una presenza umana nella zona sono attestate sin dal neolitico. Tuttavia le origini di Giulianova come nucleo abitativo, risalgono alla conquista del fascia costiera centro-adriatica da parte dei Romani e la successiva fondazione nel 290 a.C., di Castrum Novum Piceni.
Nel corso degli anni seguenti divenne un importante crocevia commerciale, sia in virtù del porto sia per l'importante nodo stradale che si costituì grazie ai collegamenti con la via Cecilia e la Salaria. Dal VI secolo, dopo la caduta dell'Impero Romano, l'antica colonia divenne un castrum bizantino con il nome di  Kástron Nóbo. Documenti del IX secolo testimoniano l'importanza acquisita da Giulianova che fu protetta da una fortificazione di derivazione bizantina con torri difensive ad ogni angolo del quadrilatero. Il borgo prese il nome di Castrum Sanct Flaviani poi mutato in Castrum ad Sancto Flaviano, Castrum in Sancto Flaviano e quindi, nel XIII secolo, Castel San Flaviano, in onore del Patriarca martire di Costantinopoli a cui fu dedicata una Chiesa edificata sui resti di un tempio bizantino ubicato a nord del borgo. Durante tutto il periodo medievale fu una città ricca e culturalmente vivace, attiva negli scambi commerciali ed un punto di riferimento per i pellegrini che s'imbarcavano alla volta della Terrasanta: si ipotizza un collegamento con l'ordine crociato dei Templari.
Divenne, a partire dal 1382, feudo degli Acquaviva e patì per tutto il XIV secolo numerosi saccheggi e devastazioni, fino ad esser coinvolta nella battaglia di San Flaviano del 1460. Una decina di anni dopo Giulio Antonio Acquaviva, Duca di Atri e Conte di San Flaviano, decise di fondare una nuova città sulla collina adiacente a quella sulla quale in origine era collocata San Flaviano. Questo nuovo insediamento fu chiamato Giulia, dal suo nome. Nel '500 Giulianova subì altri saccheggi ad opera dei Lanzichenecchi e, in età napoleonica, per mano dei francesi che ne distrussero l'Archivio Ducale.
fuori casa in Abruzzo
scelti per voi9
Da visitare:
Duomo di San Flaviano, la cui costruzione risale al 1472-81; Santuario della Madonna dello Splendore, edificata nel XV secolo in stile romanico; Chiesa della Misericordia risalente al XVI secolo; Chiesa di S. Antonio, eretta nel 1556; la piccola Chiesa di S. Anna, costruita nella seconda metà del XV secolo; la Chiesa di Santa Maria a Mare fondata anteriormente all'anno Mille e riedificata nel XII secolo; il Torrione “Il Bianco”, è la più grande e meglio conservata delle antiche mura costruite da Giulio Antonio Acquaviva tra il XV ed il XVI secolo. Ospita al suo interno un Museo Archeologico; la Torre del Salinello eretta nel 1563 come postazione costiera d'avvistamento; la Piazza della Libertà a Giulianova Paese, contornata da edifici ottocenteschi;  il Museo d'Arte dello Splendore; Museo Gaetano Braga, allestito all'interno della casa natale dell'insigne violoncellista e compositore giuliese; Casa del Pittore Vincenzo Cermignani, con esposti ben 446 dipinti dell'artista.   Giulianova oggi basa la sua economia sul settore turistico abbinandolo alla riscoperta della propria tradizione artistica e culturale.

Personaggi illustri:
Venanzo Crocetti (1913 - 2003), scultore di fama internazionale. Plinio De Martiis, (1920 - 2004), fotografo e gallerista tra i più importanti per la vita artistica romana e nazionale della seconda metà del Novecento; Mario Lupo (1926 - 1992) pittore, scultore; Gabriele Tarquini, (1962), pilota automobilistico italiano; Quirino De Ascaniis, (1908), missionario; Pino Procopio, (1954), pittore e scultore.
Prodotti tipici:
Altrettanto importanti sono le attività legate all'area del porto, la produzione industriale e quella agricola rinomata in particolare per la produzione del Montepulciano d'Abruzzo Colline Teramane DOCG.
La tradizione gastronomica giuliese è per lo più legata alla cucina marinara. Nella cosiddetta guerra dei brodetti, il brodetto alla giuliese si contrappone al brodetto alla vastese. La differenza tra i due è che il brodetto alla giuliese prevede prima la cottura graduata del pesce più lento nel cuocersi, e successivamente di quello dalla cottura immediata. Il brodetto alla vastese invece prevede la cottura di tutto il pesce nella teglia.
Cerca a Giulianova: ristoranti, hotel, agriturismo, bed & breakfast, cantine.
Comuni vicini:
Mosciano Sant'Angelo, Roseto degli Abruzzi, Tortoreto
Frazioni:
Case di Trento, Colleranesco, Villa Pozzoni, Villa Volpe

(Le immagini di Giulianova sono protette da copyright. I testi sono tratti dal sito del Comune di Giulianova e da Wikipedia. Tutti i testi di Wikipedia sono rilasciati sotto licenza GFDL.)
Le montagne
Gli itinerari


Associazione Amici d'Abruzzo C.F. 91112710685

Torna ai contenuti