Civitaluparella - Abruzzointour

Dal mare alla montagna in pochi minuti.

in tour

Vai ai contenuti

Civitaluparella

Provincia Chieti
Civitaluparella  sorge a 903 m s.l.m. tra le valli Corvina e Lagariello a sud dei monti Lupari. E’ compresa nella Comunità Montana Medio Sangro, Zona R . e conta 402 abitanti.   
Storia - cenni
Il suo nome deriva probabilmente da due parole, ovvero: “ Civitas” e “Luparius” che significano rispettivamente “città” e  “ cacciatore di lupi” (quest’ultimo si pensa ricollegato ai monti Lupari).  L’origine di questo comune è stata ricostruita grazie a reperti archeologici datati al VI secolo a.C. e dunque al periodo neolitico in cui ivi si stanziarono i primi insediamenti umani.
Si comincia a parlare di Civitaluparella solo nel 1115 in una bolla di Papa Alessandro III in cui citava i confini della diocesi di Chieti. Fu governata dagli Angioini verso la metà del 1200 ed in seguito da Antonio Caldora. La sua collocazione geografica, lo rendeva un centro particolarmente indicato non solo quale difensivo, ma strategico. Venne pertanto eretto un castello nella parte più alta del paese, che consentisse in questo modo di avere un controllo globale della vallata circostante. Fu a tale scopo che ivi si rifugiò Antonio Caldora per tentare di sfuggire a Ferdinando D’Aragona. Nel XVI secolo, Civitaluparella venne governata dai Carafa, mentre nel 1660 da Martino di Segura.
  
Oggi il paese conserva ancora i ruderi dell’antico castello ed altre tracce di storia tra le vie del paese come le case in pietra.
fuori casa in Abruzzo
scelti per voi9
Da visitare:
la Chiesa di San Pietro Apostolo. Risale al X secolo; i resti del Castello Caldora. Eretto nel XV secolo per volontà di Antonio Caldora; la Grotta Cese, uno dei tanti anfratti carsici della zona; la Fonte Perrone. E’una antica sorgente d'acqua sulfurea. Tradizioni: la festa delle Conocchie in onore di Sant'Agata. Si tiene il 5 febbraio e , le donne del paese dedicano una festa liturgica e tradizionale in onore della santa patrona del latte, in cui si distribuiscono per devozione i pani benedetti.
Comuni vicini:
Borrello, Fallo, Montebello sul Sangro, Montelapiano, Montenerodomo, Pennadomo, Pizzoferrato, Quadri
Le montagne
Gli itinerari


Associazione Amici d'Abruzzo C.F. 91112710685

Torna ai contenuti