Castel del Monte - Abruzzointour

Dal mare alla montagna in pochi minuti.

in tour

Vai ai contenuti

Castel del Monte

Provincia dell'Aquila
Castel del Monte sorge a 1.345 m s.l.m. sul monte Brulla, nel cuore del Parco del Gran Sasso e  dei Monti della Laga. E’ compreso nella Comunità montana Campo Imperatore-Piana di Navelli ed è inoltre considerato tra i borghi più belli d'Italia. Conta 480 abitanti.

Storia
La nascita di questo borgo viene ricollegata alla necessità di ricercare oltre la depressione carsica del piano del  San Marco, un luogo più sicuro sia dal punto di vista naturale, sia dal punto di vista degli attacchi dei nemici. Questa zona, infatti, non era nuova ad invasioni esterne e ne sono riprova i resti di tombe a circolo e a fossa risalenti al XI - XII  secolo a.C. o ancora documenti che testimoniano la violenta avanzata dei Romani intorno al IV sec. a.C. Iniziali cenni sul comune di Castel del Monte risalgono al 1223 e, si ritiene che la costruzione di un castello per volontà di Federico II nelle puglie, che porta il suo stesso nome, abbia contribuito alla nascita di questo borgo. L’intenzione degli abitanti che qui vi si insediarono, era legata alla ricerca di un luogo in cui poter praticare le originarie attività pastorali, agricole in una zona cinta da mura e fortificata per contrastare attacchi esterni. Vennero costruite a tal proposito alcune porte in ferro che consentivano l’accesso al paese quali: Porta di S. Rocco, S. Ubaldo, di S. Maria, del Ricetto e Conadeo. A sera venivano sbarrate per difendere il paese. Potenti famiglie feudatarie locali governarono, ricordiamo infatti quella dei Gentile alla quale si ritiene si debba far risalire la sua nascita. Il suo progetto era finalizzato a valorizzare la montagna facendo leva sui monaci cistercensi i cui spostamenti consentivano un avvicinamento economico tra le diverse zone del territorio abruzzese. Il sistema feudale fu ancora presente per alcuni secoli sino alla sua abolizione nel 1806. Sul finire dell’ottocento, le attività del paese, prima chiuse entro le mura, si spostarono fortemente all’esterno.

fuori casa in Abruzzo
scelti per voi9
Da visitare:
La Chiesa di San Marco Evangelista. Venne costruita intorno al XIV-XV secolo probabilmente come cappella annessa al castello. Presenta uno stile rinascimentale-barocco;
La Chiesa di S. Rocco. Venne costruita dopo il 1656 a seguito della peste, in ringraziamento al santo che aveva liberato il paese dall’epidemia;
La chiesa della Madonna del Suffragio. Venne costruita intorno alla prima metà del XV secolo. In essa i pastori richiedevano alla Madonna la purificazione prima della partenza ed una protezione particolare per sé, per la famiglia e per le greggi;
La chiesa di S. Caterina. Venne costruita intorno al XV secolo e fu sede fin dal 1791 della Confraternita della SS. Annunziata;
Il Mulino sito nel Palazzo Municipale. Venne costruito nel 1900, e fu utilizzato sino al secolo scorso. Il Comune ne ha curato il restauro con l’esposizione di strumenti legati al lavoro dei campi;
L’antico Palazzo del Governatore. Venne costruito tra il XV ed il XVI secolo, presenta una struttura possente, impostata su grandi archi. Oggi ne restano la facciata e il portale rinascimentale;
Tradizioni:
La notte delle streghe. Si festeggia il 17 agosto, ricordando un’antica credenza medioevale.
Le montagne
Gli itinerari


Associazione Amici d'Abruzzo C.F. 91112710685

Torna ai contenuti