Casoli - Abruzzointour

Dal mare alla montagna in pochi minuti.

in tour

Vai ai contenuti

Casoli

Provincia Chieti
Casoli sorge a 378 m s.l.m., arroccato su un colle alla destra del fiume Aventino, ai piedi del monte Majella. Conta 5883 abitanti e il centro abitato è raccolto attorno al castello ducale e alla chiesa parrocchiale.

Storia - cenni
Nel territorio si trovano la riserva naturale Lago di Serranella, caratterizzata da ampie zone impaludate alla foce del torrente Gogna, ed il lago di Sant'Angelo.
E’un centro tradizionalmente agricolo: vi si coltivano ortaggi, frutta ma soprattutto uva e ulivi.

Casoli, sotto il nome di Casulae, risale all’alto medioevo. I cluviensi e i romani furono i primi ad insediare la collina, per ragioni di difesa e di vicinanza alla strada, ben trafficata dalla montagna al mare : "la muntanijere". Il "Borgo” si sviluppò intorno al  Castello e alla Chiesa, con molteplici piccole case, dalle quali si snodavano dodici strade e vicoli ed era protetto da mura massicce e da torrette che ancora oggi è possibile notare nel tessuto urbano.
Nel Castello risiedevano la camera ducale e la corte di giustizia, mentre la torre fungeva da carcere con le sue famose segrete.
Successivamente verso la metà del XVII secolo la struttura originaria del castello venne modificata dai  D'Aquino di Napoli sino a darle l’assetto attuale. Nel 1799 fu ostile all'adesione alla Repubblica Partenopea. Fu teatro di episodi di insurrezione e di violenza anche ai danni della borghesia locale. Aderì alla Repubblica solo dopo l'incendio di Guardiagrele da parte delle truppe francesi.

Da visitare:
il Castello Ducale, sorto attorno a una torre di avvistamento intorno al IX secolo; la chiesa parrocchiale intitolata a Santa Maria Maggiore sorta durante l’alto medioevo La chiesa di Santa Reparata sorta nel 1447 col nome di “Santa Liberata”
fuori casa in Abruzzo
scelti per voi9
Personaggi famosi:
Giulio De Petra (Casoli, 1841 - Napoli, 1925), archeologo Pasquale Masciantonio (Casoli, 1869 - Roma, 1923), politico; Germano De Cinque (Casoli, 1935), politico  

Tradizioni e Folklore:
Le sacre rappresentazioni delle tentazioni di sant'Antonio; la festa della Madonna del Carmine, la cui statua viene portata in processione dalla chiesetta a lei dedicata, in località Collemarco, la festa di Sant'Agostino, la cui chiesa, in origine dedicata a san Giustino di Chieti, è la più antica del paese;
le feste patronali in onore di santa Reparata e del compatrono, san Gilberto di Sempringham.La sera della vigilia della festa dell'Immacolata Concezione è tradizione, nelle contrade, accendere degli alti falò (i Fuochi della Concezione).
Le montagne
Gli itinerari


Associazione Amici d'Abruzzo C.F. 91112710685

Torna ai contenuti