Capistrello - Abruzzointour

Dal mare alla montagna in pochi minuti.

in tour

Vai ai contenuti

Capistrello

Provincia dell'Aquila
Capistrello  sorge a 750 m s.l.m., è compreso nella  Comunità montana Valle Roveto e conta 5.402 abitanti.

 
Storia             
 
E’ un  antico comune che ancora oggi presenta una conformazione urbana assunta nel corso del medioevo. Non sono chiare le origini del suo nome ma è invece chiaro che fu l’unico canale  attraverso il quale  fu possibile varcare il territorio della Marsica proprio perché presentava il solo  tracciato di strada che consentiva tale passaggio.  Come era tipico per i paesi che si svilupparono nell’anno mille, la sua posizione geografica consentì una manovra di difesa contro gli attacchi nemici. Nel XVIII secolo, infatti, altre popolazioni tra cui gli avezzanesi, cercarono in esso un rifugio per evitare l’attacco dei francesi. Con l’avvento di Giusepe Bonaparte nel 1807, il fenomeno del feudalesimo cessò di esistere e Capistrello divenne un comune autonomo. Inoltre, sia Bonaparte che nel 1832 Federico II giunsero in questo paese anche per osservare l’emissario claudiano. Nel 1854  subì gli attacchi e la devastazione da parte di briganti, dei borbonici e dopo l’ inaugurazione  della strada che collegava  Avezzano-Sora, agli inizi del novecento si assistette alla costruzione di un’altra rete comunicativa importante. Ebbe infatti inizio il collegamento Avezzano- Balsorano tramite una rete ferroviaria. Nel corso delle guerre mondiali, subì profonde perdite sia umane che relative alla struttura storica del paese. Venne perciò onorificiata con una Medaglia d’oro al Valor Civile nel 1944 per il sacrificio e l’amore della patria che i suoi cittadini portarono in alto nel corso della guerra.
 
            
 
            
 
            
 

fuori casa in Abruzzo
scelti per voi9
Da visitare:

La chiesetta della "Madonna di Contra" situata proprio di fronte a Capistrello, sulla strada per Filettino;
La chiesa della Madonna del Monte posta sul monte Arezzo e meta di pellegrinaggi;
I Cunicoli di Claudio costruiti intorno al 74 d.C. per far defluire le acque del lago Fucino in quelle del Liri;

Chiesa di S. Barbara. Venne costruita intorno alla metà dell'Ottocento probabilmente sui ruderi dell'antica chiesa di S. Sebastiano;

I resti di un acquedotto romano;
Sbocco dell’antico Emissario del Fucino.


(testi sono tratti da wikipedia e dal sito del comune)
Le montagne
Gli itinerari


Associazione Amici d'Abruzzo C.F. 91112710685

Torna ai contenuti