Cansano - Abruzzointour

Dal mare alla montagna in pochi minuti.

in tour

Vai ai contenuti

Cansano

Provincia dell'Aquila
Cansano sorge a 835 m s.l.m.su di un colle vicino alla Valle Peligna che proprio per questo lo fa includere nella  Comunità montana Peligna. E’ inoltre posto in una zona tale che gli consente di raggiungere facilmente il vicino Parco Nazionale della Maiella. Conta 268 abitanti.

Storia                   
Si fa risalire la sua origine già a partire dall’età del ferro. Sono stai portati alla luce, infatti, diversi frammenti a testimonianza della presenza umana in epoca arcaica. Inoltre, altri ritrovamenti risalirebbero all’epoca romana come ad esempio il tempio eretto in onore di Giove, mentre del periodo italico vi è un tempio innalzato in onore di Ercole. Oggi il paese presenta i segni evidenti del periodo medioevale in cui si comincia a parlare di Cansano a partire dal 933 come attesta un’antica scritta ritrovata. Il borgo, che nel corso dei secoli venne conteso e spartito tra più signorie,  si sviluppò in seguito ed attorno alla costruzione di un castello chiamato “Castrum Cansani”. Era una potente struttura difensiva che con la sua torre di avvistamento , permetteva il controllo del colle. In esso si accedeva tramite la “Porta da Capoche ancora oggi, è possibile osservare. Durante il secolo scorso, le due guerre mondiali furono un iniziale causa di abbandono del comune che, si accentuò intorno agli anni ’50, in cui si cercò altrove e in particolare nelle Americhe una possibilità diversa di vita. Negli anni seguenti, non fu solo il fenomeno dell’emigrazione ad incidere sul numero dei suoi abitanti, ma contribuì notevolmente l’indifferenza delle amministrazioni che non sfruttarono ed incentivarono il patrimonio turistico e culturale.  Oggi invece il territorio ha subito un boom turistico grazie al recupero delle tradizioni , del centro storico e della costruzione di servizi turistici.

fuori casa in Abruzzo
scelti per voi9
Da visitare:
Castrum Cansani. Costruito intorno all’anno Mille, era una struttura strategica e difensiva a cui si accedeva tramite Porta da Capo. Oggi è ancora visibile, ma alcune ale del castello sono state adibite ad abitazione;
Il Parco Archeologico Naturalistico Ocriticum. E’ stato inaugurato nel 2004. E’ posto all’esterno del paese e contiene due templi, uno romano eretto in onore di Giove e l'altro italico in onore di Ercole. Sono inoltre presenti un sacello delle divinità femminili Cerere e Venere e i resti di un centro abitato e di un forno utilizzato per produrre calce;
La Chiesa di San Salvatore. E’ la Chiesa Madre del paese che venne eretta in seguito alla costruzione del Castello nel XI secolo. Distrutta dopo un terremoto nel 1706, oggi ne restano una cripta e le fondamenta;
La Chiesa di San Nicola di Bari. Costruita in onore del Santo, rievoca un rito diffuso in Abruzzo consistente nella consegna del pane;
La Chiesa della Madonna della Neve. E’ situata nella parte più antica del paese ma oggi ne restano solo i muri perimetrali. Nel passato conteneva un’antica statua quattrocentesca che rappresentava la Madonna a cui tale chiesa venne dedicata.
Testi tratti da wikipedia e dal sito del comune
Le montagne
Gli itinerari


Associazione Amici d'Abruzzo C.F. 91112710685

Torna ai contenuti